5 città da visitare in Europa dell’Est

Siamo abituati a pensare, erroneamente, che i paesi dell’Europa orientale non siano poi così belli, paesi che hanno sofferto fino a qualche decennio fa guerre e regimi dittatoriali. Ma non è così, in Europa dell’Est ci sono luoghi molto consigliati ai viaggiatori, dove il territorio è costituito da bellissimi paesaggi, pittoresche montagne, valli, laghi e città dal patrimonio storico e architettonico unico al mondo. Una delle sfide più importanti per questi popoli è riuscire a mantenere le proprie tradizioni e le proprie usanze, per questo sono spesso organizzati eventi culturali come festival folcloristici e feste tradizionali, che servono a farsi conoscere meglio dai turisti ma anche a mantenere viva la propria cultura.

Le città che meritano un viaggio sono moltissime, così come i paesi dell’Europa orientale, e non c’è motivo per escluderne qualcuna in particolare, ecco perciò una scelta di 5 tra le quali poter organizzare un viaggio.

Mostar, in Bosnia. Europa dell'Est.

Lubiana: è probabilmente una delle più belle città d’Europa, facilmente raggiungibile dall’Italia, sulle pittoresche vallate alpine della Slovenia ed attraversata dalle acque del tranquillo fiume Ljubljanica. È una città molto pulita e tranquilla, ideale per chi vuole fare un viaggio rilassante in un contesto urbano, dove ovunque si guardi è possibile scattare la foto perfetta da aggiungere ai proprio ricordi. In città si usano molto le biciclette al posto delle auto, quindi si raccomanda di passeggiare a piedi per conoscere i luoghi con più storia e cultura di Lubiana, come i suoi musei e l’antico castello, oppure assistere ai vari concerti all’aperto che si tengono praticamente sempre.

Zadar: la città di Zara in Croazia è una destinazione ideale per i romantici, che hanno la possibilità di osservare il tramonto del sole tra le acque del mare e le montagne. La gente ama ritrovarsi e passeggiare a Riva, il lungomare, che un sistema d’illuminazione che funziona con l’energia prodotta dal mare nei condotti sottostanti. Migliaia di turisti visitano continuamente Zara e sono convinti sia una delle mete croate più belle.

Mostar: durante le guerre balcaniche Mostar è stata pesantemente danneggiata ed il suo ponte più famoso e rappresentativo, Stari Most, è stato distrutto. In seguito poi è stato ricostruito identico a quello precedente ed è ancora uno dei luoghi più importanti ed emblematici della città di Mostar, legato anche ad un’antica tradizione per cui i giovani si devono tuffare da lì nelle acque del fiume nel momento di diventare uomini. Non mancano le attrazioni come i gustosi ristoranti, i musei ed una serie di altre attività legate soprattutto alle immersioni nel fiume ed alle escursioni nelle magnifica natura circostante.

Kotor: come molte altre città dell’Europa dell’Est e dei Balcani in particolare è putroppo spesso trascurata dal turismo e dai principali circuiti di viaggi, ma questo potrebbe anche essere un bene per la città montenegrina e per chi ha invece la fortuna di visitarla. È un posto davvero affascinante, da cui difficilmente si riesce a partire, situato tra grandi fiordi sulla costa balcanica del Montenegro. Qui la gente è accogliente ed i vini della sua terra deliziosi, non manca una ricca storia ed un passato Veneziano che ha lasciato la sua influenza tra questa spettacolare natura.

Per approfondire: Kotor e la sua baia in Montenegro.

Budapest: non ha bisogno di presentazioni e la sue bellezza è ampiamente risaputa, dovuta in particolare alla sua varietà architettonica che va dal barocco, al neoclassico, al liberty. Durante il giorno i musei e le gallerie d’arte sono i luoghi più visitati, mentre di notte si riempiono i suoi famosi ed attraenti locali e ristoranti.

Per approfondire: Budapest, cosa vedere nella capitale ungherese.