Ajaccio in Corsica

Ajaccio è il capoluogo della Corsica, l’isola francese nel Mar Tirreno a poca distanza dalle coste italiane e separata dalla Sardegna solo da 11km di mare tra le Bocche di Bonifacio. La data più importante nella storia di Ajaccio e di tutta la Corsica è probabilmente il 1769, l’anno in cui in questa città nacque Napoleone Bonaparte; pur essendo uno dei principali porti di scalo per molte navi da crociera nel Mediterraneo, il capoluogo corso non ha, ingiustamente, grande rilevanza turistica, pur avendo molto da offrire ai visitatori.

Ajaccio in Corsica.

Ajaccio è la città più grande dell’isola, anche se difficilmente supera i 65mila abitanti, e si trova sulla costa occidentale, da cui si possono facilmente raggiungere le Isole Sanguinarie, un gruppo di isolotti che hanno questo nome per il porfido color porpora delle sue rocce e anche per il colore dei fiori che vi crescono. La maggior parte dei turisti che arrivano al porto di Ajaccio solitamente fa un piccolo giro in città e poi preferisce fare delle escursioni nei pittoreschi villaggi dei dintorni o trascorrere una vacanza sulle splendide spiagge della Corsica, ma il capoluogo è una città bellissima che merita di essere visitata con più attenzione. Tra le principali attrazioni di Ajaccio c’è il Museo Fesh, aperto nel 1839, che ospita una delle più belle collezioni di dipinti italiani in territorio francese, inferiore solo a quella del Louvre; oppure la Biblioteca Comunale, proprio accanto al museo in un edificio risalente alla metà del XIX secolo, con degli interni decisamente impressionanti.

Sempre in ambito storico-culturale, merita di essere visitata la cittadella quattrocentesca, baluardo di difesa contro gli attacchi che provenivano dalla costa, così come la Cattedrale di Santa Maria, costruita nel XVI secolo, la chiesa in cui venne battezzato Napoleone. Pur essendo la città natale di questo celebre imperatore e condottiero, il turismo ad Ajaccio non ruota intorno alla sua figura ed ai luoghi che hanno fatto parte della sua vita, forse anche perchè il rapporto tra gli abitanti della Corsica ed i francesi non è mai stato eccellente. La maggior parte delle attività ruota intorno al turismo crocieristico ed ai traghetti, infatti il porto è un posto molto poco tranquillo con un via vai continuo di turisti che sbarcano sull’isola. La scelta migliore è passeggiare per il centro storico della città, ammirare la vista della baia e delle isolette vicine, visitare il mercato durante la mattina, tutti piccoli dettagli che ci lasceranno un buon ricordo del capoluogo corso.