Cosa vedere a Lussemburgo

Il Lussemburgo è un piccolissimo stato europeo pieno di fascino, racchiuso tra la Francia, la Germania ed il Belgio, senza alcuno sbocco sul mare. Pieno di laghi azzurri, prati verdeggianti con piccole case di campagna ed alcuni castelli, a Lussemburgo la natura è in perfetta armonia con l’architettura, quasi completamente costituita da vecchi edifici medievali.

Luxembourg Neumünster und Johanneskirche

In Lussemburgo si possono praticare quasi tutti gli sport acquatici e terrestri, mentre nella capitale, l’omonima città, c’è un moderno e lussuoso centro finanziario. Questo piccolo Paese ha uno dei tassi di qualità della vita più alti d’Europa. Il suo clima è freddo durante la maggior parte dell’anno, con alcune precipitazioni di modesta entità che riempiono di mistero le sue antiche strade. La capitale è divisa in una parte alta, situata su una collina, in cui sorgono alti edifici con ristoranti, hotel di lusso, discoteche e bar, ed una parte bassa che costituisce la zona più antica, con le belle case dai tetti di ardesia e l’ambientazione pittoresca. In questa parte della città si trova la fortezza feudale del conte delle Ardenne, considerato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, nel quale durante la Seconda Guerra Mondiale vi si rifugiarono i soldati ed è pieno di celle e passaggi sotterranei, attualmente trafficatissima meta di turisti.

Ma non c’è solo Lussemburgo città con la sua bellezza misteriosa, ci sono anche i villaggi nelle vicinanze, come Ettelbruck e Diekirch, con i loro tesori naturali e storici, come il Museo Nazionale di Storia Militare, che espone principalmente oggetti e reperti della liberazione del Lussemburgo dai Nazisti. Un altro dei borghi più affascinanti è sicuramente Vianden, di antichissima origine gallo-romana e dalla ricca storia nonostante le sue piccole dimensioni, con un magnifico castello ed un gran numero di monumenti storici di rilievo. Qui visse anche il famoso scrittore francese Victor Hugo (c’è anche un museo a lui dedicato), che si innamorò di questa regione ed ebbe (ha ancora in realtà) un contributo decisivo nell’immagine turistica di Vianden nel mondo.