Turismo a Vienna, piccola guida

Vienna è la città di grandi compositori, che ci fa subito pensare ad un appassionato valzer o al “bel Danubio blu” mentre camminiamo per le sue strade, un luogo perfetto per un viaggio in autunno o in primavera, meglio ancora se in romantica compagnia. La grande città barocca, vecchia capitale dello scomparso impero asburgico, è ricca di magnifici edifici ma anche di caffè, di angoli dove la musica classica è ancora apprezzata come parte della vita delle persone.

Vienna

Grazie alla sua posizione strategica sul Danubio divenne il centro di un potente impero, ma dal XIX secolo e soprattutto con la Seconda Guerra Mondiale, perse gran parte del suo prestigio e del suo peso politico, pur continuando a conservare il romanticismo tra gli angoli delle sue strade e le finestre dei suoi palazzi. Il suo meraviglioso centro storico, anticamente circondato dalle mura di cinta ed oggi dall’ottocentesca Ringstrasse (Ringstraße in tedesco), l’emozionante parco divertimenti del Prater (che ospita anche un planetario ed un museo) con la famosa ruota panoramica, o il Castello di Schönbrunn, sono alcuni dei luoghi più celebri di Vienna che incanteranno il viaggiatore e lo faranno innamorare.

Cosa vedere a Vienna?

La maestosità di Vienna ha il suo fulcro nell’Hofburg, il complesso di edifici sorto nel XIII secolo, che nel corso dei secoli si è ampliato e modernizzato rimanendo il centro del potere austriaco.

All’interno di questi magnifici edifici trovano posto la Biblioteca Nazionale, la tradizionale Scuola di Equitazione Spagnola (Spanische Hofreitschule, fondata nel 1572, la più antica del mondo nel suo genere) e la Cappella Reale (Burgkapelle) dove dal 1498 si esibisce il coro delle voci bianche di Vienna nella messa di ogni domenica, da settembre a giugno. All’interno dell’Hofburg si possono visitare anche gli appartamenti che contengono i tesori imperiali e che un tempo erano abitati dall’Imperatrice Elisabetta di Baviera, divenuta celebre nella cinematografia contemporanea con il nome di Principessa Sissi.

La grande collezione è composta dai tesori dell’Impero austriaco e da quelli del Sacro Romano Impero, tra cui risalta per il suo eccezionale valore la corona del X secolo con cui venivano incoronati gli imperatori.

Il Castello di Schönbrunn era invece la residenza estiva degli Asburgo, la residenza di caccia che si trovava in campagna e nel corso dei secoli è finita praticamente inglobata nell’attuale assetto urbano di Vienna. Il grande castello ha oltre 1400 stanze, lussuose ed in stile rococò o barocco, molte delle quali sono adibite ad uso governativo ma 190 di queste sono visitabili dal pubblico in forma di museo.

Elemento suggestivo e di grande richiamo è il grande parco del castello, che ogni anno è visitato da più di 5 milioni di turisti. È un parco molto variegato, con particolari giardini e aree diverse: il Grand Parterre, la parte centrale del giardino con un grande prato con aiuole di fiori affiancato da una lunga fila di alberi con 32 grandi statue; la Fontana di Nettuno (Neptunbrunnen) che in certo senso chiude il viale del Parterre; l’area ad anfiteatro con la fontana rettangolare delle finte rovine romane, a rappresentare le terme di Tito e Vespasiano; la Serra delle Palme o Casa delle Palme, area di rilievo del giardino, che accoglie 4500 specie di piante differenti; la Voliera; la Bella Fonte; la Fontana dell’Obelisco; la Casa del Tramonto; il Giardino Giapponese ed altri piccoli giardini, tutti all’interno dell’area del parco.

Un altro maestoso luogo di Vienna è la Cattedrale di Santo Stefano (Stephansdom), un monumentale edificio che risale al XII secolo, la cui torre più alta raggiunge i 137 metri.

I principali divertimenti a Vienna si trovano nel parco pubblico del Prater, come la grande ruota panoramica costruita nel 1897, uno dei simboli della città e l’unica della sua epoca ancora funzionante. Ma non possiamo dimenticare l’attraente bellezza del palazzo Belvedere (Schloss Belvedere), un bellissimo castello del XVIII secolo diviso in due costruzioni, separate tra loro da un giardino con un grande bacino d’acqua nella parte superiore che discende a cascata; entrambe le costruzioni del castello ospitano la Galleria Austriaca Belvedere (Österreichische Galerie Belvedere), un museo di Vienna con una pregiata collezione artistica di varie epoche, focalizzata soprattutto su artisti austriaci, ma anche con opere di grandi maestri come Klimt e Monet.

Gli amanti della vita notturna troveranno più interessante il quartiere del Triangolo delle Bermuda, una zona con tantissimi bar e locali nel pieno centro di Vienna, vicino Hoher Markt, la più antica piazza della città. Molti altri locali e ristoranti si trovano anche nelle zone di Naschmarkt (dove il sabato si tiene anche il celebre mercatino delle pulci), Freihaus e Spittelberg (quartiere dalla vita culturale molto intensa, con le eleganti vie pedonali ricche di caffè e ristorantini).

Un altro luogo meraviglioso dove trascorrere la serata a Vienna sono i tipici Heuriger, le tradizionali taverne dove viene servito esclusivamente il vino viennese, in un’atmosfera cordiale dove è possibile anche mangiare ed ascoltare musica dal vivo.