La Cappadocia in Turchia

La Cappadocia è una popolare destinazione turistica in Turchia, nella regione dell’Anatolia, una terra di leggende e magia, con incredibili paesaggi, una particolarissima formazione geologica che la rende unica al mondo e molti siti archeologici di varie epoche.

Cappadocia, i camini delle fate

La regione si trova nel triangolo formato dalle città di Neveshir, Avanos e Urgüp, con una superficie di circa 200kmq; solitamente nei viaggi organizzati le visite in Cappadocia sono associate a pacchetti turistici che includono tour nelle città di Istanbul, Ankara o Efeso, ma possiamo visitare la zona anche per nostro conto alloggiando in alberghi a conduzione familiare, dove provare l’esperienza di vivere insieme alla famiglie turche e realizzare diverse escursioni alla scoperta dei parchi nazionali con i “camini delle fate” o delle città sotterranee.

Secondo una leggenda migliaia di anni fa questa regione era abitata da uomini e da fate; a seguito di una storia d’amore tra un uomo ed una fata, la loro regina decise di trasformarle tutte in colombe, molte di queste torri di tufo sono infatti adibite a piccionaie; in realtà invece si sono formate in seguito ad eruzioni vulcaniche avvenute 8 milioni di anni fa che successivamente sono state modellate dall’erosione.

La Cappadocia è un luogo da visitare con calma, senza fretta e possibilmente a piedi. Un’ottima scelta è quella di stabilire la sede del nostro soggiorno a Göreme, una piccola cittadina nel cuore del Parco nazionale di Göreme e siti rupestri della Cappadocia (Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1985), dove il locale ufficio del turismo ci può consigliare un alloggio ed aiutarci con la scelta delle escursioni e dei luoghi da visitare. Göreme è raggiungibile in autobus da Ankara. Un altro buon punto di partenza per le nostre escursioni potrebbe essere anche Neveshir, il capoluogo della regione, da dove possiamo raggiungere i diversi villaggi in autobus.

Goreme in Cappadocia, Turchia

Le attrazioni della Cappadocia sono molte, sia di tipo paesaggistico che storico e culturale. L’eruzione di vari vulcani ha dato luogo alla creazione di particolari formazioni rocciose che hanno reso famosa questa regione e che spesso sono state anche convertite in case, chiese o negozi. L’assenza di altri materiali da costruzione, come il legno, ha fatto sì che le diverse civiltà utilizzassero solo la roccia per costruire le proprie città.

Ma ci sono anche città veramente speciali in Cappadocia: le città sotterranee. Probabilmente di origine Ittita, furono utilizzate dai primi cristiani per proteggersi dalle invasioni e dai saccheggi arabi ed arrivarono ad ospitare fino a 6mila persone. Attualmente visitare queste antiche città è un esperienza irripetibile, come scoprire le splendide chiese rupestri, ammirare gli affreschi cristiani antichi di secoli perfettamente conservati e godere dell’ospitalità e della genuinità di un popolo molto speciale.