Macao, Europa e Asia si fondono in Cina

Macao è una piccolo territorio nel sudest della Cina, a soli 70Km da Hong Kong, che per 450 anni è stata una colonia portoghese ma dalla fine del 1999 è tornata alla Cina sotto un’amministrazione speciale. Macao, o Macau, è conosciuta per essere la capitale del gioco d’azzardo in Asia, la città omologa di Las Vegas in territorio cinese, dove il gioco d’azzardo è proibito dal regime, consentito unicamente in questo speciale territorio.

Macao

La storia di Macao inizia nel XVI secolo, quando divenne una colonia del Portogallo ed il suo porto un centro di fiorenti commerci tra vari paesi e colonie asiatiche (soprattutto Filippine, Malesia e Giappone) e l’Europa. Con le guerre dell’oppio e la successiva conquista di Hong Kong da parte britannica, il prestigio del porto di Macao iniziò il suo declino, passando in secondo piano a livello commerciale, continuando comunque a mantenere un’intensa attività soprattutto con il Giappone. Con il passaggio all’amministrazione cinese del 1999, al territorio di Macao è stata garantita una certa indipendenza, senza alcun interferimento nella sua amministrazione fino al 2049.

Macao può essere visitata anche in un giorno, scoprendo così la grande fusione che vi è fra la cultura portoghese e quella cinese. Una passeggiata nel centro della città, completamente pedonale, offre ai visitatori la possibilità di visitare numerosi monumenti: la Cattedrale dedicata a San Domenico, le rovine della Chiesa di San Paolo, la Piazza del Senato con le sue tipiche arcate in stile europeo e numerose altre chiese, la cui atipica presenza in territorio cinese è dovuta al cattolicesimo del dominio portoghese.

Ma Macao non è solo casino e chiese; nel suo piccolo territorio di 30Kmq offre al visitatore davvero numerose perle: musei, templi, giardini di stile asiatico, castelli, gallerie d’arte e diverse altre attrazioni. Se non soffrite di vertigini potete visitare la Macao Tower, alta 338 metri, da cui i più temerari possono anche praticare bungee jumping. Con dei traghetti veloci che partono ogni 30 minuti circa è possibile raggiungere la vicina Hong Kong: comprate un biglietto senza far caso agli orari e raggiungete l’imbarcazione, perchè finchè non si riempie non parte.