Siviglia, culla del flamenco

Poche città spagnole possono vantare tanta storia, monumenti interessanti e luoghi incantevoli come Siviglia, la città andalusa attraversata dal fiume Guadalquivir. La città di Siviglia è una delle più importanti e visitate di tutta la Spagna, il posto ideale per una breve vacanza in ogni periodo dell’anno, anche per un weekend in una località vicina ma affascinante.

Con tanta storia alle spalle, è normale che ci siano tante cose da vedere e tanti turisti in visita in Andalusia. Scopriamo le tappe obbligatorie di questa destinazione spagnola che possiamo visitare anche in un paio di giorni.

La cattedrale di Siviglia.

Cosa visitare a Siviglia

La Cattedrale e la Giralda di Siviglia, costruita nel XV secolo sui resti di un’antica moschea, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. La torre della Giralda era il vecchio minareto, da cui in epoca della dominazione moresca dell’Andalusia, si veniva richiamati in preghiera. Questa cattedrale è una delle chiese cristiane più grandi in Spagna ed al suo interno si trova una delle presunte tombe di Cristoforo Colombo (cosa che vantano anche altre località).

La Torre dell’Oro, la torre simbolo della città che prende il nome dal bagliore dorato delle sue mattonelle riflesse nel fiume Guadalquivir. È stata costruita come parte del sistema di difesa della città ed in seguito utilizzata anche come prigione e come cappella.

Il quartiere di Triana, quello più popolare e conosciuto di Siviglia, dall’altro lato del Guadalquivir che si raggiunge attraversando il Ponte di Triana. L’atmosfera che si respira in queste strade è unica e rappresenta l’anima di Siviglia: da non perdere il vicolo dell’Inquisizione, il mercato di Triana, la Chiesa di Nostra Signora della O e Calle Betis, una strada dalla vivacissima vita notturna.

Il cortile delle fanciulle nell'Alcazar di Siviglia.L’Alcazar, un complesso di diversi giardini e palazzi reali, costruito nel Medioevo che è stato il luogo di soggiorno di reali e dignitari stranieri in visita alla città. In magnifico stile moresco, tra le attrazioni che include, da non perdere il Palazzo Mudejar ed il “patio de las doncellas”.

Il Parco di Maria Luisa, lo spazio verde più famoso e piacevole della città, che merita di essere visitato. Vi si trovano eleganti viali, musei, fontane e giardini molto curati abbastanza frequentati dai sivigliani. Nel parco si trova anche Plaza de España, un imponente complesso architettonico costruito per l’Esposizione Iberoamericana del 1929, uno dei posti più caratteristici di Siviglia. I suoi quattro ponti sul canale rappresentano i quattro antichi regni di Spagna e vi è la possibilità di noleggiare piccole barche per fare una piacevole passeggiata tra i canali.

Il Quartiere di Santa Cruz, nel cuore della città, è uno dei più popolari e incantevoli di Siviglia, pieno di stradine, belle piazze, bar di tapas, cortili fioriti e tante vecchie storie. Se siete attratti dal flamenco, il posto che fa per voi è il Museo del Flamenco, dove conoscere la storia e le radici di questa popolare rappresentazione artistica andalusa e magari assistere ad uno spettacolo dal vivo. Gli amanti delle attrazioni culturali potranno ammirare opere di grandi artisti come Machado o Velazquez nel Museo di Belle Arti, uno dei più interessanti di Siviglia, con molti capolavori di artisti importanti.

Altri consigli su Siviglia

Siviglia è una bella città da visitare anche con la famiglia, esistono infatti dei percorsi ideati per i più piccoli per conoscerla in modo divertente e coinvolgere i bambini in una bella esperienza. Esistono quattro itinerari per esplorare la città in maniera culturale e ludica che piacerà sicuramente, basta rivolgersi agli uffici turistici: non vedono l’ora di accogliervi.

Siviglia è famosa anche per le sue tradizioni, radicate da centinaia di anni. Due degli appuntamenti più importanti sono la Settimana Santa sivigliana e la Fiera di Siviglia, celebrazioni cittadine che ci aiutano a capire meglio la cultura della sua gente e godere di questa magnifica città spagnola.

Se vi piace lo shopping, a Siviglia non vi annoierete di certo. Ci sono tre grandi zone commerciali: il centro storico, Triana e Nervion, con tanti tipi di negozi di artigianato, moda, oggetti di antiquariato, gioielli, regali.

La cultura del Flamenco

Flamenco a SivigliaPer conoscere e capire il flamenco è assolutamente necessario visitare la provincia di Siviglia, in Andalusia. In ogni quartiere e strada ci sono riferimenti a ques’arte, alle sue origini, alla sua evoluzione ed ai prestigiosi eventi che ne hanno fatto una manifestazione artistica universale.
Durante tutto l’anno si tengono in diverse località incontri, festival, convention ed un’infinità di eventi e attività connessi con il flamenco; omaggi ad un’arte che affonda le proprie radici nella cultura e nella tradizione popolare, i cui stili non sono altro che l’espressione dei sentimenti della sua gente.

Alcune delle località che maggiormente hanno contribuito allo sviluppo del flamenco sono Utrera, Alcalá de Guadaíra, Lebrija, Mairena del Alcor o La Puebla de Cazalla, che sono anche la patria degli illustri cantautori Juan Talega, Antonio Mairena o La Niña de La Puebla. In queste località si celebrano gli eventi più importanti dell’anno: il Potaje Gitano di Utrera (il più antico di tutti), la Reunión de Cante Jondo a La Puebla de Cazalla (di rilevanza internazionale), il Festival Nacional de Cante Jondo ‘Antonio Mairena’ a Mairena (dichiarato di interesse turistico), il Festival Gazpacho Andaluz di Moron de la Frontera.

Ma se si vuole veramente approfondire la cultura del Cante jondo, uno stile vocale del flamenco, bisogna passeggiare tra le strade e le taverne di flamenco che si trovano in tutta la provincia di Siviglia, veri musei e testimoni della sua storia, delle sue voci e delle sue tradizioni.