Turismo a Osnabruck in Germania

La Germania è un Paese sorprendente che ha molto da offrire anche dal punto di vista turistico; una città non molto conosciuta ma che merita di essere visitata è Osnabruck, in Bassa Sassonia, conosciuta come la città della pace tra i popoli germanici perchè qui avvenne la firma della Pace di Westfalia che concluse la Guerra dei Trent’anni nel XVII secolo.

Osnabruck in Germania.

La città è l’atmosfera che si respira sono certamente all’altezza della fama, perchè qui la gente sembra sempre sorridente e presa dall’organizzazione di qualche festa o sagra: la più amata dagli abitanti di Osnabruck è certamente la Fiera di Primavera, quando migliaia di commercianti provenienti da tutta la Germania si riuniscono qui per festeggiare in un grande mercato, con ogni genere di prodotto. Qualche settimana dopo c’è la cosiddetta Settimana di Maggio, in cui la musica e le danze non si fermano per sette giorni; chi invece preferisce eventi più rilassati apprezzerà senza dubbio la Settimana culinaria, in cui assaggiare tutti i piatti più tradizionali della Bassa Sassonia e della Germania in un grande allestimento all’aperto. Tipico ed accogliente, dalla magica atmosfera, anche il mercatino di Natale.

Ma Osnabruck non offre solo feste e celebrazioni turistiche. Pur essendo una cittadina meno celebre e conosciuta delle vicine Hannover o Dortmund, ha comunque molta storia da raccontare e far conoscere. I suoi monumenti conservano la brillantezza dello splendido passato e le sue particolari case in legno del centro storico rappresentano degnamente questo stile, tra le meglio conservate in tutta la Germania. La città merita di essere respirata passeggiando, conoscendo i resti delle antiche mura, lo spettacolare edificio del municipio ed il castello del XVII secolo.
Tra gli edifici più moderni da non perdere c’è il Felix Nussbaum Museum, un’esempio di architettura d’avanguardia che ospita una collezione di opere del famoso artista ebreo figlio di questa città, ucciso ad Auschwitz nel 1944. Facile trovare anche molti riferimenti allo scrittore Erich Maria Remarque, forse il figlio prediletto di Osnabruck, che descrisse gli orrori della Prima Guerra Mondiale nella sua opera più celebre: “Niente di nuovo sul fronte occidentale”; Remarque è stato anche uno dei più famosi oppositori del nazismo ed ogni due anni la città dedica un premio che porta il suo nome.