Turismo sotterraneo a Berlino

Sarà per il suo interesse storico o semplicemente per il gusto di fare qualcosa un po’ strano e diverso dal solito, ma negli ultimi anni sono sempre più numerose le visite turistiche nella rete di bunker sotteranei nella città di Berlino, in Germania, creando una nuova tipologia di turismo: il turismo sotterraneo. Sotto la metropoli tedesca vi è infatti una grandissima rete di sotterranei, tunnel e bunker risalenti al periodo del Terzo Reich, che costituivano una vera e propria città nel sottosuolo.

Berlino sotterranea, Berliner Unterwelten.

Questi centinaia di tunnel costruiti dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, oggi sono conservati, gestiti e documentati dall’associazione Berliner Unterwelten (Berlino Sotterranea), che organizza anche visite guidate nelle strutture più importanti, anche con guide in italiano. Il primo tour, chiamato Mondi Oscuri, è organizzato in uno dei tunnel più famosi della città, vicino la stazione del metró di Gesundbrunnen. Qui, nella prima delle visite, si può rivivere per 90 minuti le difficoltà dei berlinesi durante i raid aerei che rasero al suolo la città durante la guerra, osservando gli autentici reperti dell’epoca.

Nel secondo tour guidato è invece possibile osservare due dei sette livelli della Torre di protezione antiaerea al parco Humboldthain, dove ci sono le fortezze per la difesa contraerea devastate dalle bombe e parzialmente distrutte.

La terza visita è invece nei sotterranei della Metropolitana di Berlino, che vi catapulterà in piena guerra fredda, nei condotti sotterranei in cui gli abitanti dell’ex-DDR cercavano di fuggire ad ovest mentre per gli abitanti della parte occidentale della città quei bunker antiatomici potevano rivelarsi la salvezza in caso di attacco nucleare. Il quarto tour, chiamato Tour Classico, è organizzato in modo da dare un’idea generale sui sotterranei della città tedesca, con un percorso che parte da un autentico bunker della II guerra mondiale, riadattato negli anni successivi, e una camminata fra tunnel della metropolitana, sotterranei, fino ad arrivare ad un secondo rifugio antiaereo.

Percorsi molto interessanti sia dal punto di vista architettonico che storico quindi, per scoprire una delle più belle città europee da una prospettiva notevolmente diversa dal solito, l’importante è non soffrire di claustrofobia.