La Bulgaria è un Paese dell’Europa orientale che negli ultimi anni ha saputo creare nel turismo un’attenzione crescente, grazie ai prezzi concorrenziali e ad un ambiente naturale e sociale ancora intatto.

Varna in Bulgaria.Le attrattive di cui è ricca questa terra sono davvero tante e tutte concorrono in egual modo a rappresentare una perfetta destinazione di viaggio sotto molti aspetti: affollate stazioni balneari sul Mar Nero, scenari romantici nell’entroterra, parchi naturali e centri termali (Varna, Pomorie, Dronjba), le pianure della Tracia e la Valle delle Rose, i monti balcanici con rifugi e chalet di caccia, il corso del Danubio e gli antichi monasteri.

Le radici e le tradizioni bulgare, con il contributo della religione ortodossa, hanno saputo resistere con tenacia a 500 anni di pesante schiavitù ottomana e solo verso la fine dell’Ottocento, grazie alla vittoria dei Russi sull’impero turco, i Bulgari hanno riacquisito la propria identità indipendente.

Geograficamente la Bulgaria è attraversata dai Balcani per tutto il Paese, con catene montuose diverse tra loro che lo separano idealmente in due principali aree. A nord troviamo il bassopiano del Danubio, un tempo ricoperto da sconfinate foreste ed ora trasformato in area prevalentemente agricola. A sud invece le alte vette dei monti Rodopi, Rila e Pirin degradano nelle distese della Tracia e poi ancora in direzione delle coste.

Il monastero di Rila in Bulgaria.Nonostante i grandi cambiamenti che l’ambiente ha subito negli ultimi decenni, la Bulgaria è ancora ricca di una notevole fauna selvatica e un cospicuo patrimonio forestale, con parchi naturali e riserve di caccia.

Il periodo migliore per viaggiare in Bulgaria è quello compreso fra maggio e settembre. La stagione balneare sulle rive del Mar Nero comincia da giugno e si prolunga quasi fino a settembre. L’inverno è molto rigido ed il cielo spesso coperto. Se avete intenzione di recarvi in Bulgaria per sciare un’ottima meta è sicuramente Borovetz, a circa 70km da Sofia.

Nesebar in Bulgaria.All’interno del Paese ci si può muovere con voli interni (da Sofia verso le località del Mar Nero e le altre principali mete), in treno o con il servizio di bus ben organizzato, ma volendo ci possiamo spostare abbastanza facilmente anche in auto.

Assaggiare i piatti tipici della cucina bulgara nei ristoranti tradizionali è assolutamente imperdibile per chi ama i sapori antichi di origine contadina, con carni e zuppe speziati dalle erbe dell’orto. Le occasioni per assistere ad eventi folcloristici non mancheranno sicuramente; le ricorrenze celebrate con danze e riti tramandati da secoli, con influssi sia orientali che occidentali, si trovano in ogni angolo di questa caratteristica terra balcanica.

La Bulgaria fa parte dell’Unione Europea dal 2007, perciò non è necessario il passaporto per visitarla, ma la moneta nazionale non è l’Euro ma il Lev bulgaro.

Cosa vedere in Bulgaria?

  • Sofia: la capitale bulgara è moderna e cosmopolita, con una vivace vita notturna. Per il suo aspetto ancora abbastanza post-comunista è una città particolare, con grandi viali e alcuni edifici storici a cui si può accedere tranquillamente. Alcuni dei monumenti più iconici da vedere a Sofia sono la moschea Banya Bashi di origine ottomana, la piccola e antica chiesa medievale ortodossa di Sveta Petka, la grandissima cattedrale ortodossa di Alexander Nevskij, la più grande sinagoga sefardita in Europa e la chiesa paleocristiana di San Giorgio, l’edificio più antico della città.
  • Plovdiv, il teatro romano di Filippopoli in Bulgaria.

  • Plovdiv: è la seconda città più antica d’Europa, con un bellissimo centro storico pieno di gallerie d’arte e ristoranti dove assaggiare la migliore cucina del paese. La chiamano “la città delle sette colline” perché come Roma è stata edificata su sette colli, e di epoca romana ci sono anche dei siti archeologici come il bellissimo Teatro Romano, il Foro Romano con l’Odeon e l’antico Stadio Romano. Le case della città sono molto rappresentative della tipica architettura bulgara rinascimentale, con circa centocinquanta edifici dalle facciate colorate dove ogni piano è sostenuto da travi in legno.
  • Nesebar: bellissima città sulla costa del Mar Nero, un antico insediamento della regione della Tracia che si chiamava Menebria; in seguito, fino al VI secolo a.C., divenne una colonia greca chiamata Mesebria, su quella che un tempo era un’isola ma grazie alla costruzione di un istmo artificiale divenne una penisola. Nesebar è tra le città con più chiese al mondo: al momento se ne contano più di quaranta, la metà delle quali scoperte dagli archeologi, ma solo una di queste è adibita al culto religioso, che in questo caso è cristiano ortodosso. La maggior parte sono splendidi esempi di quella che un tempo era l’arte bizantina; per questo motivo dal 1983 l’Unesco l’ha inclusa tra i Patrimoni Storici dell’Umanità.
     
    Del periodo greco rimane testimonianza in un’agorà, un tempio dedicato al dio Apollo, l’acropoli ed una delle mura che proteggevano la città. Del periodo medievale rimangono la Basilica di Santa Sofia, la Chiesa della Vergine, quella di Santa Paraskeva, la Chiesa di San Teodoro, di San Michele, varie altre, ma la più notevole fra tutte è quella del Cristo Pantocratore. La parte vecchia di Nesebar divenne così una vera città-museo, con tremila anni di storia e ricchezze culturali che è necessario preservare.
  • Varna in Bulgaria con la bellissima spiaggia sul Mare.

  • Varna: la terza città più grande e uno dei luoghi più turistici del paese balcanico, considerata la capitale marina della Bulgaria per la sua importanza culturale ed economica. A Varna si possono trovare molte spiagge suggestive per le acque cristalline e la sabbia fine e dorata, con eccellenti strutture turistiche per chi vuole rilassarsi e godersi le soleggiate giornate estive. Per saperne di più sulla vita marina del Mar Nero possiamo visitare l’Acquario con il delfinario, ma nel parco merita una visita anche il Museo Navale e il Museo di Storia Naturale.
     
    Varna può vantare monumenti antichissimi
    che hanno segnato la sua storia, cattedrali e monasteri, ma anche caratteristici edifici rinascimentali insieme a quelli più moderni. Il sito archeologico conosciuto come Necropoli di Varna risale al 4600-4200 a.C. e vi sono state ritrovate tombe con corredi funerari di rame, oro e ceramica.
  • Il Monastero di Rila: senza dubbio uno dei monumenti più importanti da vedere in Bulgaria, simbolo della cultura e dell’identità bulgara, situato in un luogo bellissimo tra montagne verdeggianti e ruscelli. Il monastero di Rila è una delle migliori rappresentazioni del cosiddetto stile rinascimentale bulgaro, una costruzione di quattro piani che ospita più di 300 celle per i monaci. Sia l’esterno che gli interni della chiesa sono decorati da grandi affreschi davvero soprendenti.
  • La Valle delle rose vicino Kazanlak.

  • La Valle delle Rose in Bulgaria: è una zona a nord della grande pianura in cui si trova Plovdiv, il luogo in cui si produce più olio di rose al mondo. Ai piedi dei Balcani, questa valle in primavera è ricoperta di rose che vengono raccolte per la produzione del loro olio, secondo una tradizione che risale al XVII secolo. Durante tutto l’anno si possono visitare le distillerie in cui viene estratto e prodotto questo oro liquido, ma un viaggio in Bulgaria a maggio offre l’opportunità di vedere questa valle completamente fiorita di rose.
  • Le tombe nella Valle dei Re Traci: la zona di Stara Zagora, oltre che per la Valle delle Rose è conosciuta per le diverse tombe del periodo tracio, per questa chiamata anche “Valle dei Re Traci”. Questi monumenti archeologici che risalgono al V e IV secolo a.C. rappresentano il primo sito Patrimonio dell’Unesco in Bulgaria ed erano la sepoltura di sovrani e ricchi Traci. Celebri sono quelle di Kazanlak, scoperte casualmente nel 1944 mentre venivano costruiti dei rifugi, ma in tutta la regione ce ne sono circa 1500.
  • Le piramidi di Melnik in Bulgaria.

  • Le Piramidi di Melnik: nella piccola città di Melnik, in una valle dei monti Pirin, la natura ha creato un paesaggio unico sotto forma di montagne di arenaria che sembrano delle piramidi. Alcune di queste formazioni raggiungono i 100 metri di altezza e la loro morfologia cambia con il passare del tempo e l’erosione naturale. L’intero villaggio, anche per i suoi particolari edifici, è considerato una riserva architettonica e monumento culturale.
  • Il monastero di Shipka: in stile architettonico russo con le cupole dorate, il monastero di Shipka è stato fondato dai russi alla fine del XIX secolo. La chiesa è stata completata nel 1902 in commemorazione della guerra russo-turca, dove avvennero le battaglie più sanguinose, e nel punto più alto della montagna si trova anche un grande monumento a forma di torre. Nei dintorni si possono vedere le trincee con i cannoni usati in quella guerra.
  • La fortezza e le rocce di Belogradchik.

  • Belogradchik: è un piccolo luogo da vedere in Bulgaria nell’estremo nord-ovest del paese. L’area fu abitata sin dal Medioevo e durante il XIV secolo fu un importante centro amministrativo e culturale. In quel periodo lo zar bulgaro Vidin Ivan Stratsimir estese una precedente fortificazione romana per dare origine alla famosa fortezza di Belogradchik. Questo monumento è perfettamente integrato con le cosiddette rocce di Belogradchik, un fenomeno naturale di oltre 200 milioni di anni che copre un territorio di 30Km di lunghezza e circa 6-7Km di larghezza, in un paesaggio dalle forme strane e suggestive.
  • Architettura rurale a Bozhensti: questo villaggio è il miglior esempio di architettura rurale in Bulgaria, vicino alla città di Gabrovo, sperduto tra le montagne con boschi lussureggianti. Si può camminare tra le stradine acciottolate fra le case costruite in pietra e legno, con i tetti di ardesia, in un paesino da fiaba dove si può accedere in numero limitato affinché non sia invaso dai turisti.
  • Il Monastero Sokolski: ancora vicino alla città di Gabrovo, si può visitare il Monastero di Sokolski, fondato a partire da una piccola chiesa in legno costruita nel 1833. Si trova in un parco naturale che protegge una foresta di faggi ed è riccamente decorato con affreschi su pareti e soffitti.
  • Veliko Tarnovo antica capitale medievale della Bulgaria.

  • Veliko Tarnovo: l’antica capitale del paese è un altro dei luoghi fondamentali da vedere in un viaggio in Bulgaria. Veliko Tarnovo era la capitale di quello conosciuto come Secondo Impero Bulgaro tra il XII ed il XIV secolo, dalla fortezza di Tsarevets che domina la città veniva esercitato il potere politico del paese. La città medievale si estendeva in tre recinti fortificati sulle colline tra le quali serpeggia un fiume; la Veliko Tarnovo attuale occupa le colline dove i turchi estesero la città, con una posizione spettacolare sulla zona e viste panoramiche eccezionali.
  • Arbanasi: un altro piccolo villaggio considerato una riserva architettonica, vicino a Veliko Tarnovo. È nato in epoca medievale per il matrimonio di uno zar bulgaro con una principessa greca, con la costruzione di grandi case che ora si possono ammirare visitando Arbanasi, in un mix di architettura tradizionale bulgara e greca.
  • La Grotta Devetashka: un’autentica bellezza naturale lunga 1500 metri, larga 55 e alta oltre 30 metri, con sette enormi buchi nel soffitto. Si tratta di un’antica grotta carsica abitata quasi ininterrottamente dal tardo paleolitico, circa 70mila anni fa. È un luogo pieno di stalattiti e stalagmiti, cupole e archi nella roccia, quasi sconosciuta al turismo ma tra le attrazioni più sorprendenti in Bulgaria.

Le spiagge della Bulgaria sul Mar Nero

Una spiaggia in Bulgaria, sul Mar Nero.La costa della Bulgaria sul Mar Nero è un’alternativa seducente ed economica alle tradizionali destinazioni turistiche del Mediterraneo. Sono quasi 400 i chilometri di Riviera Bulgara, con più di 70 spiagge di sabbia dorata ancora poco affollate, prezzi bassi e luoghi con un’interessante ricchezza culturale e naturale.

Le località estive in Bulgaria offrono sicurezza e qualità. Sempre più turisti nord-europei preferiscono il mare della Bulgaria per le vacanze perché è un’ottima alternativa, soprattutto per le famiglie con un budget limitato.

Viaggiare in Bulgaria sulla costa del Mar Nero può essere piacevole per tutti, in famiglia e con un gruppo di amici, perché offre la perfetta combinazione tra turismo culturale, sole e spiagge dove divertirsi e praticare sport acquatici. Sul Mar Nero la Bulgaria ha importanti località balneari, ma ci sono anche cittadine e villaggi tipici più piccoli, ideali per escursioni nella natura e tour culturali.

Oltre Varna e Nesebar, che sono tra i luoghi principali di questa particolare costa balcanica, ce ne sono tanti altri che possono diventare la perfetta meta di una vacanza.
Il mare e le spiagge di Sozopol.

  • Sozopol: il centro storico con le pittoresche case del XIX secolo interamente in legno e le stradine pedonali sembra un villaggio in stile medievale e si trova su una piccola penisola, collegata alla terraferma da una striscia di terra che da un lato ospita il porto peschereccio e dall’altro la spiaggia principale di Sozopol. 
    La spiaggia è di sabbia bianca come quasi tutta la costa bulgara, a cui segue la parte più nuova della città con alberghi, ristoranti ed altre strutture turistiche, ma senza esagerazione. Sozopol offre un’atmosfera molto rilassata e tranquilla, con un buon numero di divertimenti per tutta la famiglia e con il vantaggio di potersi spostare da una parte all’altra anche a piedi, senza usare l’auto.
  • Burgas: è fra le città più popolate della costa con circa 250mila abitanti e vi si tengono importanti eventi e festival di vario genere. Accanto alla città c’è anche il Lago di Burgas, il più grande lago naturale del paese che comunica con il Mar Nero attraverso un canale, riserva naturale protetta. Durante le diverse stagioni, qui si possono osservare centinaia di specie di uccelli, molte di loro anche rare in Europa.
  • La bellissima Pomorie per una vacanza termale in Bulgaria.

  • Pomorie: è una località famosa per i bagni di fango che i visitatori possono fare liberamente nella laguna vicino alla città. Pomorie ha anche buone spiagge sabbiose e il mare in questa zona mantiene una gradevole temperatura dell’acqua. Rispetto ad altre destinazioni sulla costa bulgara qui ci sono meno alberghi e ristoranti, prevale il turismo locale che soggiorna nelle case vacanze della cittadina.
  • Golden Sands: ovvero “spiagge dorate”, è un bellissimo posto costiero nel parco nazionale omonimo, poco a nord di Varna. La sabbia dall’accattivante colore dorato e le acque azzurre del mare producono uno spettacolo formidabile, dal quale è difficile staccarsi. Questa zona è famosa per le grandi catene alberghiere dove trascorrere momenti incredibili, perché tutto è perfettamente progettato per offrire il soggiorno migliore.
  • Albena: ancora un po’ più a nord lungo la costa, ad Albena prevalgono gli hotel ed i resort “all inclusive” dove gli ospiti possono godere della pensione completa, delle piscine e di ogni tipo di divertimento per una vera vacanza. C’è anche una delle migliori spiagge del Mar Nero, molto ampia e lunga, con acque calde e poco profonde ideali per i bambini. Senza dimenticare i verdeggianti boschi che la circondano dove è possibile camminare o praticare sport e attività.
  • La fantastica costa sabbiosa del mare di Sunny Beach.

  • Bolata Beach: la spiaggia selvaggia di Bolata è una fantastica insenatura naturale in un tratto di costa poco urbanizzato e senza costruzioni vicine. È quasi completamente chiusa e riparata da un molo, così da essere ideale anche per i più piccoli che si divertono a giocare nelle acque cristalline come se fosse una piscina.
  • Sunny Beach: una delle migliori località balneari della Bulgaria sul Mar Nero, tra le più ricercate in estate anche per la sua perfetta posizione a metà strada tra Varna e Burgas. Si trova vicino alle montagne di Stara Planina, così può offrire il meglio dei due mondi, una zona montuosa e la spiaggia. Per le grandi catene di hotel e l’offerta di divertimento per il turismo familiare, è un posto che si potrebbe paragonare ad alcune nostre località, ma con un mare ed un ambiente naturale davvero meravigliosi.